20.4.15

Il Dono

La corsa fu lunga e calorosa, ma riuscii a raggiungere la casa di Willow. Jade era già lì, e accanto a lei sul divano sedeva un ragazzo mai visto prima.
"Ciao, lui è Anthon, un mio amico" tra un risolino irritante e l'altro, Willow finì la frase.
"Ciao"
"Ah, Chris... William è passato di qua, sapeva che saresti arrivato" mi irrigidii di colpo "e ha lasciato questo" Jade mi porse un piccolo pacchettino, foderato di carta color crema e chiuso con un nastro verde smeraldo. Una volta aperto scoprii una scatolina di velluto blu scuro, accompagnata da un biglietto scritto frettolosamente, riconobbi subito la scrittura:

Chris, se stai leggendo non hai ancora cestinato il mio regalo, ma è meglio così, te lo assicuro. Per me è importante che lo abbia tu, altrimenti quando succederà i miei lo chiuderanno nella cripta di famiglia. Portalo sempre con te, mi raccomando.
William                             

Aprii la scatola e vi trovai una catenella di un colore puro come l'argento, da cui ciondolava una piccola pietra verde, quasi intensa come i suoi occhi. La rimirai per parecchio tempo, fino a quando la voce di Willow, roca e odiosa come sempre, con il suo ciuffo corvino e l'aria da zombie, mi riportò alla realtà.
"Hellen? Tra quanto arriva?" la domanda uscì dalla bocca carnosa e rosea di Anthon, mentre io pensavo ancora alla pietra nelle mie mani, intensa e luminosa.
"Sempre ad Hellen pensi, eh?" chiese maliziosamente la ragazza dai capelli corvini.
Anthon si fece paonazzo "Smettila" sbuffò.

Quando succederà... lo chiuderanno nella cripta di famiglia... Portalo sempre...

Cosa significava? Oh, William, avevi scelto il momento peggiore per farmi andare più in palla di quanto già non fossi.


(Tratto da Wicca, solo su Wattpad)